Cascata Gelterkinden

Progettazione tempestiva - installazione senza problemi

La sostituzione del vecchio riscaldamento a olio con una pompa di calore è stata consapevolmente programmata quando il vecchio impianto di riscaldamento era ancora in funzione. Infatti l'esperienza insegna che, in caso di guasto, non è possibile sostituire in tempi brevi l'impianto durante il periodo di riscaldamento. Grazie alla progettazione tempestiva il nuovo riscaldamento è stato messo in esercizio questa primavera nel giro di quattro settimane.

Breve panoramica dell’impianto di riferimento

Immobile:

  • Casa plurifamiliare, anno di costruzione 1999
  • Posizione elevata tranquilla, soleggiata e panoramica
  • 6 unità abitative su 3 piani riscaldati 

Situazione tecnica di partenza:

  • Riscaldamento a pavimento
  • Carico calorifico normale 22 kW

Tecnologia installata:

  • WPL 25 A 
  • SBP 700 E

Località:

  • 4460 Gelterkinden

Ralizzazione:

«Il vecchio riscaldamento a olio dell’immobile aveva ormai più di vent'anni e la sua sostituzione stava lentamente diventando necessaria», spiega Peter Wüthrich, rappresentante dei condomini dell'immobile, illustrando la situazione iniziale. «La caldaia era ancora in ordine», aggiunge, «ma il bruciatore doveva venire sostituito ancora qualche anno fa.» I condomini erano consapevoli che, in caso di guasto, non è possibile sostituire a breve termine l'impianto nel bel mezzo del periodo di riscaldamento con una buona progettazione. «L'esperienza dimostra che i riscaldamenti non si guastano in estate, ma sempre durante il periodo di riscaldamento», sottolinea Wüthrich. Per questo motivo la progettazione è stata avviata quando il vecchio impianto di riscaldamento era ancora in funzione. «Retrospettivamente, possiamo dire che questa decisione è stata positiva per noi sotto tutti i punti di vista.» Ricevendo una generosa incentivazione nell'ambito del «Baselbieter Energiepaket» sono stati risparmiati costi di investimento. «Inoltre l'installazione di un riscaldamento innovativo ed ecologico ha riqualificato l'immobile», aggiunge Wüthrich. Una cosa era chiara per i condomini: il nuovo riscaldamento non doveva essere a olio. «In futuro il calore deve essere ricavato con le energie rinnovabili», dice Wüthrich. «La pompa di calore era l'unica soluzione giusta per noi.»

L'esperienza dimostra che i vecchi impianti purtroppo si guastano di solito durante il periodo di riscaldamento.

Peter Wüthrich, rappresentante dei condomini

Schiena contro schiena

La decisione è stata quindi presa rapidamente. L’esperto progettista del riscaldamento ha presentato velocemente la soluzione ottimale: una pompa di calore installata all’interno nel vecchio locale serbatoio era fuori questione, a causa della posizione sfavorevole e dello scarso spazio disponibile. «Dopo aver consultato il progettista specializzato, abbiamo scelto l'installazione esterna nel giardino», afferma il rappresentante dei condomini. La speciale collocazione «schiena contro schiena» delle pompe di calore non è solo ergonomica rispetto agli apparecchi affiancati, ma anche molto discreta. «In occasione dell’installazione delle pompe di calore il giardino è stato riallestito», spiega Wüthrich, «gli apparecchi sono stati integrati in modo ottimale nell'ambiente.» Anche per questa installazione è stato necessario rispettare rigorosamente le vigenti norme di protezione contro l'inquinamento fonico. Tuttavia queste pompe di calore sono assolutamente silenziose, come è stato notato positivamente da alcuni passanti.

Un’adeguata progettazione preliminare è fondamentale.

Thomas Messer, Messer Heizungen AG

Progettazione mirata - attuazione accurata

Anche i condomini sono soddisfatti: «dalla progettazione all'installazione completa dell’impianto fino alla messa in esercizio, tutto è riuscito perfettamente», conferma Wüthrich. «Tutti i soggetti coinvolti hanno operato veramente bene. Tutte le scadenze sono state rispettate esattamente e i lavori sono stati eseguiti con grande cura.» La preparazione è stata piuttosto impegnativa: per far passare le varie tubazioni è stato necessario forare più volte soffitti e pareti. Inoltre si è reso indispensabile rinforzare l’allacciamento elettrico domestico.

L'efficienza superiore delle pompe di calore fa risparmiare emissioni di CO₂ e costi energetici.

Liborio Libranti, consulente tecnico di vendita di STIEBEL ELTRON Svizzera

Secondo l'installatore il progetto è stato esemplare: «tutti gli operatori coinvolti, i muratori, gli elettricisti, gli idraulici, hanno eseguito i lavori accuratamente e nei tempi previsti», dichiara Thomas Messer di Messer Heizungen AG. «La conduzione delle tubazioni attraverso il parcheggio sotterraneo è stato un po' diversa rispetto al solito, a causa della posizione del locale riscaldamento», continua, «ma per il resto l'intera installazione si è svolta senza problemi e secondo i piani.» Questo, naturalmente, anche grazie all'accurata preparazione. «Un’adeguata progettazione preliminare è fondamentale», conferma anche Liborio Libranti, consulente tecnico di vendita di STIEBEL ELTRON Svizzera. «La società di progettazione collabora da anni con STIEBEL ELTRON», spiega, «quindi conosce perfettamente i nostri prodotti e sa accordare l’impianto in modo mirato alle esigenze dell'immobile.» La progettazione è iniziata già nella primavera del 2022. Tuttavia, a causa delle difficoltà di consegna in quell'anno, la nuova installazione è potuta cominciare solo nella primavera del 2023. Dopo quattro settimane di lavori l'impianto di riscaldamento è stato messo in esercizio con successo e consegnato ai committenti. «Le pompe di calore sono state accese all'inizio di ottobre e hanno superato ottimamente il loro battesimo del fuoco», afferma soddisfatto Wüthrich.